Profondità una forza chiave per OKC Thunder secondo The Ringer

Entrando nella seconda parte di un nuovo capitolo per l'OKC Thunder, possiamo solo sperare che le cose buone debbano ancora venire. Ma se l'anno scorso ci ha insegnato qualcosa, nessun risultato può essere escluso.
 
Qualunque cosa succedesse alla pallacanestro vecchia scuola, quando gli avversari si odiavano e avrebbero fatto di tutto per vincere? La risposta a questa domanda è Russell Westbrook. Indipendentemente dalla situazione in cui Westbrook prende la parola, odia chiunque stia nel suo modo di vincere.
 
La passione contagiosa di Westbrook prende il sopravvento sull'intero franchise, dai suoi compagni di squadra ai fan. È la sua spinta competitiva che ha continuato a mantenere la squadra competitiva. Ed è la natura del suo stile di gioco spericolato che attira l'attenzione nazionale. Nell'ultima prospettiva di The Ringer sul Thunder, nessun risultato può essere escluso.
 
Dal momento che i Thunder giocano su e giù con le prestazioni di Westbrook maglie nba,canotte nba a poco prezzo, non c'è da meravigliarsi che la squadra abbia faticato a volte la scorsa stagione. Ma con Andre Roberson che ritorna, nuovi volti nella squadra e il ritorno su Paul George, la profondità è ora un punto di forza per Oklahoma City.
 
Tra i personaggi di Internet e TV, gli odiatori di Westbrook continuano a ricordarci quanto è basso il Tuono quando il leader senza paura non sta facendo i suoi colpi. Ciò di cui non si parla tanto, tuttavia, è l'altra faccia di quella moneta.
 
Sì, ci sono momenti in cui il motore di Westbrook porta a palle perse o colpi cattivi. Ma quando sta facendo colpi e facendo tutto bene, i Tuono sono quasi imbattibili.
 
Se quella moneta dovesse apparire testa durante un periodo critico nei playoff, potrebbe essere l'abbandono spericolato di Westbrook a buttar via i Warriors. E per coloro che pensano che i Warriors dovrebbero essere consegnati al trofeo ora canotte nba Oklahoma City Thunder online, ricorda che i Rockets li hanno messi alle corde prima che Chris Paul cadesse in preda a un infortunio.