Mavs ha bisogno di rompere Luka Doncic di questa abitudine dai s

Con due giochi pre-campionato e due da giocare, i Mavericks sanno esattamente cosa hanno a che fare con Luka Doncic mentre si avvicinano alla stagione regolare.
 
Devono sconfiggere l'Europa da lui.
 
Intendiamo ciò nel modo più rispettoso possibile e rigorosamente in termini di pallacanestro.
 
Nella sua prima azione NBA, il 6-8 Doncic ha impressionato tutti con la sua creatività, le sue sparatorie e il suo saggio modo di giocare oltre il 19 ° anno.
 
Meno impressionanti sono le otto palle perse che ha avuto in 60 minuti di tempo.
 
La metà di quei fatturati è stata chiamata da persone in viaggio perché Doncic è così abituato al modo indulgente con cui i refs europei chiamano - o non chiamano - viaggiare.
 
Pensi che i refili NBA lascino scivolare molto quando si tratta di viaggiare?
 
Guarda una partita della European League e ti renderai conto che l'NBA non è poi così male.
 
Ma quando hai giocato con le regole europee per tutta la vita, devi fare delle regolazioni quando arrivi alla NBA e il viaggio è almeno marginalmente applicato.
 
È tempo di partite di preseason di venerdì a Shanghai contro Philadelphia che ti rendi conto che Doncic - nonostante tutto il suo allettante potenziale - ha ancora un modo per andare. Ha avuto quattro palle perse e ha mancato tutti e quattro i 3 punti che ha provato. E metà dei suoi sei tiri liberi. Questo non lo taglierà nell'NBA, ed è un messaggio che viene trasmesso quotidianamente alla giovane sensazione slovena.
 
"Luka è un giocatore emozionante", ha detto l'allenatore Rick Carlisle. "Il dietro la schiena [passa] e tutto ciò che è buono quando va bene. Una volta li ha lanciati a qualcuno in seconda fila. Abbiamo dovuto correggerlo.
 
"Si sta adattando ai diversi modi in cui chiamano viaggiare nella NBA, in Europa ne hanno interpretato diversamente, quindi è stato chiamato tre o quattro volte in due partite e si adeguerà a quello".
 
Non considerare questo come un allenatore che cerca di gestire aspettative altissime per la scelta del draft n. Carlisle sa che se Doncic non diventerà una pietra miliare del franchise per gli anni a venire, qualcuno avrà delle spiegazioni da fare.
 
"Può fare molte cose sul pavimento", ha detto Carlisle. "Può segnare, può ottenere posti, ha una grande visione e migliora le persone".
 
Come punto di riferimento, ripensa a quando Jason Kidd era un Maverick. Ha usato il suo tempo limitato nei giochi di preseason per provare i passaggi che pensava non avrebbero funzionato, ma li avrebbe comunque provati.
 
Ha sempre avuto un sacco di palle perse in preseason, ma di solito li ha presi sotto controllo quando i giochi hanno iniziato a contare.
 
La situazione di Doncic è diversa perché è così giovane. Ma Dennis Smith Jr. ha scoperto la scorsa stagione che il gioco può essere crudele, a volte. Ha una media di quasi tre palle perse per partita, anche se ha abbassato la media un po 'più avanti nella stagione.
 
Doncic ha detto che vuole semplicemente giocare. Ed è nella sua natura passare la palla. A volte diventa un po 'troppo stravagante, e in quel momento Carlisle si grattò la testa.
 
Quello che i fan devono ricordare è che il ragazzo ha 19 anni. Ha appena scalfito la superficie, anche se era un veterano scaltro mentre giocava in Europa nelle ultime due stagioni.
 
"Mi piace migliorare i miei compagni di squadra", ha detto. "Cerco di non forzare le cose."
 
Carlisle ha visto Doncic giocare in avanti per la maggior parte del tempo quando è stato in campo. Sarebbe un punto in avanti, per essere più precisi. La sua taglia gli consente di proteggere la maggior parte dei poteri in avanti, e i Mavericks sanno che è dove dovrà giocare finché DeAndre Jordan è al centro, Harrison Barnes - quando ritorna dal suo problema al bicipite femorale - è piccolo in avanti, e Smith e Wesley Matthews sono nella zona di difesa.
 
Per Doncic, è solo una questione di apprendimento mentre continua a lavorare con tutti i giocatori che sono più grandi di lui.
 
Le sue abilità non passano in secondo piano rispetto a nessuno della squadra.
 
Presto, sperano i Mavericks, padroneggerà anche le regole del viaggio.